Contenuto Principale

Vicenda Ristorò: blitz "culinario" del commissario Asl e della Rete Sociale a Puglianello e Morcone

 


Vicenda Ristorò: blitz "culinario" del commissario Asl e della Rete Sociale a Puglianello e Morcone 

(3/5/2015) Sono immagini che parlano da sole: riprese sabato 2 maggio, mostrano il commissario della Asl, Gelsomino Ventucci, a tavola con i pazienti, i medici e gli operatori della Salute Mentale di Puglianello e Morcone. E’ chiaro, però, che il cibo fresco servito nei piatti di ceramica immortalato dalle foto, non è quello in vaschette di plastica monouso consegnato dalla Ristorò, alle 11,30: "assaggiato" da Ventucci solo per spirito di servizio, il cibo della Ristorò è rimasto, infatti, accantonato in uno stanzino...

(come si vede nelle foto che seguono riprese a Puglianello)

 

...  ed è stato sostituito, con i pasti più gustosi offerti dalla Rete Sociale dopo averli concordati, a Puglianello,  con un ristorantino della zona; e a Morcone, con la cooperativa che conduceva il Laboratorio di Cucina  “Cotto e Mangiato”. 

Questo gesto provocatoriamente solidale dell’associazione dei familiari, nasce dalla necessità di spingere i funzionari Asl a prendere rapidamente i provvedimenti necessari a fare chiarezza sospendendo, nel frattempo, la mensa in via cautelativa. Ma la decisione di offrire un’alternativa ai “pasti Ristorò”, è stata promossa  - attingendo al fondo istituito da Serena Romano in memoria della sorella Paola tragicamente scomparsa – anche per ricordare che nessuno può perdere i diritti di cittadino solo perchè malato: compreso il diritto a scegliere fra un cibo “manicomiale” o un pasto normale.

 

(nelle foto sotto: prima tappa dell'  "ispezione gastronomica"  a Puglianello)

 

  

Una scelta che, come si vede dalle foto è stata già fatta non solo dai pazienti della Salute Mentale ma, con un gesto a sorpresa, anche dal commissario della Asl Gelsomino Ventucci: “Potete aggiungere un posto a tavola anche per me?” - ha chiesto infatti ieri mattina al presidente della Rete Sociale – Dopo il clamore nato intorno a questa vicenda, sento la necessità di constatare di persona i fatti  denunciati, di parlare con i pazienti per sentire quali siano le soluzioni a loro gradite…  e voglio anche assaggiare personalmente il cibo fornito dalla Ristorò. Vorrei venire, dunque, a trovare i pazienti e i primari, Volpe e Piombo, che da anni li seguono a Puglianello e a Morcone, anche perché a Puglianello si festeggia un anniversario importante per il Centro di Salute Mentale, inaugurato proprio il 2 maggio di 25 anni fa; mentre a Morcone è stato messo in atto quel Progetto terapeutico “Cotto e mangiato” accolto con successo, ma interrotto con dispiacere dagli utenti”.

(nelle foto sotto: il ristorante del progetto terapeutico "Cotto e mangiato" a Morcone

 

 

Un tour de force gastronomico, dunque, quello cui si è sottoposto ieri il commissario Ventucci, gustando prima a Puglianello fusilli ai funghi, carne al forno e sformato di patate, poi a Morcone spaghetti al pomodoro fresco, salsicce al finocchietto e insalata appena colta: “Ma senza sforzo – ha commentato alla fine - data la qualità del cibo e della sua preparazione e l’accoglienza calorosa che mi è stata riservata! In questo senso è stata  un’ ”ispezione” piacevole e gustosa, da ripetere non solo per portare avanti le attuali azioni di verifica. Da questo incontro, infatti, è emersa la necessità di realizzare un obiettivo irrinunciabile: dare alle persone con disagio psichico un habitat naturale quanto più vicino alla familiarità e alla normalità, dalle quali spesso sono escluse. E ciò si può fare anche offrendo loro la possibilità di partecipare all’acquisto e alla preparazione dei cibi che consumano: perché tale impegno le fa sentire utili e restituisce loro una dignità ingiustamente sottratta”. Questo “blitz culinario”, insomma, non lascia dubbi su  “con chi sta” e “quale sia l’obiettivo” del commissario Ventucci: ora bisognerà vedere se i funzionari Asl continueranno a giocare a scaricabarile o si daranno da fare per realizzare la giusta soluzione.

(pubblicato il 3 maggio 2015)